La buona economia

la buona economia? ... una sottile metafora (foto: A. Corbino, 2009)

Cos’è l’economia? A cosa serve? qual’è la finalità ultima dell’economia? Sono domande che forse ci siamo posti un’infinità di volte; o forse, come spesso accade con ogni concetto con il quale conviviamo dal giorno in cui nasciamo, sono domande che non ci siamo mai posti, perchè… l’economia è un po’ come l’aria che respiriamo, è immanente, è dappertutto e quindi è inutili porsi domande. Eppure… l’economia è la prima responsabilità dell’uomo!

L’economia serve o ad aiutare l’uomo, o a danneggiarlo; è buona o è cattiva. Questa visione manichea dell’economia, cioè di quella cosa che ognuno di noi fa più o meno inconsapevolmente tutti i giorni, la sentì declamare alcuni anni or sono da frate Arturo Paoli con (il solito) tono calmo ma fermo,  durante una delle sue ultime visite a Napoli presso la Ong Mani Tese.  Da quel giorno questa frase ha ispirato e orientato la mia professione di ricercatore e formatore in quello che pomposamente viene da quasi 25 anni definito sviluppo sostenibile, una bella espressione… vuota (!!), a cui occorre invece dare corpo. Il blog labuonaeconomia serve proprio a questo: raccontare e spiegare in maniera semplice gli esempi di buona economia che, nonostante tutto, continuano a nascere e resistere nel Mezzogiorno, in Italia, e in ogni angolo di sud e di nord del mondo. Sono piccoli ma significativi casi, piccole isole in un mare tempestoso, che non sono però utopia bensì realtà tangibili, utili, possibili che necessitano di ponti per diventare arcipelago e rinsaldarsi e costruire massa critica.

Non si tratta di riesumare gli spettri dell’economia pianificata o dell’ambientalismo dei NO a oltranza. Si tratta piuttosto di suggerire le vie per trovare un equilibrio tra un capitale in grado di produrre benessere diffuso e occupazione durevole, uno stato efficiente che gestisca welfare, e la conservazione di un ambiente (urbano e naturale) sano. E’ un discorso che ha poco a che fare con formule matematiche e grafici e che, invece, ha molto a che fare con il buon senso e moltissimo con il senso di responsabilità di istituzioni, cittadini, imprenditori, associazioni di categoria.

Credo che, oggi più che mai, cercare di parlare di questi temi in maniera estremamente semplice ed accessibile a tutti, senza ricorrere a inutili astrattismi ma utilizzando invece esempi concreti di vita reale, sia di enorme importanza per il futuro delle nostre economie e delle nostre società. Perchè, oggi più che mai, i singoli hanno un il grande potere di orientare l’economia, la società, il futuro. Ed è quindi necessario che, rispetto a questi temi, i singoli acquistino coscienza e consapevolezza e assumano comportamenti coerenti, creando innovazione sociale che diventi motore di una nuova buona economia.

Un’ultima cosa: i post riguardanti i casi di buoneconomia saranno, per quanto possibile, così strutturati: un’introduzione tratta dai classici della letteratura (spesso gli scrittori sono anche profeti visionari) + la presentazione del problema (il mare tempestoso) + la descrizione, in breve, dell’isola di buoneconomia, che rappresenta l’eccezione a quel sistema. Credo che questa struttura possa rendere gli argomenti più godibili e comprensibili.

Questo blog vuole essere quindi solo un umile (e spero utile) contributo alla diffusione e all’affermazione di una cultura della buona economia, ovvero di un’economia della responsabilità, a livello locale così come a livello globale. 

vi auguro buona lettura, Alberto Corbino.

Advertisements

Informazioni su albertocorbino

Alberto Corbino è l'autore dei blogs: https://labuonaeconomia.wordpress.com ; http://ventanillas.wordpress.com ; http://italiain3b.wordpress.com http://edabpm.wordpress.com . Per ulteriori info, visitare la pagina: "l'autore di questo blog"
Questa voce è stata pubblicata in Teorie e pratiche e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...