La buona finanziaria e i complici inconsapevoli

Napoli nonna e paniere

Un'anziana casalinga tira su a fatica il paniere.. Istat (Napoli, Capodimonte; foto: A. Corbino, 2011)

In un articolo del 15 dicembre (2011) apparso su Repubblica.it (sezione mondo solidale, chissà perchè non sezione economia e finanza?!) Banca Popolare Etica critica l’attuale manovra finanziaria del governo Monti, fornendo alcune proposte verso una maggiore equità. Riporto di seguito l’ultimo paragrafo dell’articolo perchè contiene un invito coerente con le finalità di questo blog, cioè diffondere la consapevolezza che rendere l’economia più giusta dipende da ognuno di noi, nelle sue scelte quotidiane di informazione, acquisto, risparmio ecc., per non essere complici inconsapevoli.

Complici inconsapevoli. Infine, Banca Etica è convinta che accanto alle misure del Governo serva una forte presa di coscienza da parte dei cittadini e dei risparmiatori che troppo spesso finiscono con l’essere complici inconsapevoli oltre che vittime del sistema finanziario. Dovremo invece imparare a indirizzare i nostri risparmi e non alimentare la speculazione. Il trasferimento di risorse dall’economia reale alla finanza alla base dell’attuale crisi di debito è necessario anche per garantire i profitti in doppia cifra inseguiti dagli speculatori. Se il PIL del mondo cresce del 2% l’anno e la finanza deve garantire profitti cinque o dieci volte superiori, se le pubblicità ci promettono rendimenti del 4% netto sul nostro conto corrente mentre la ricchezza reale in Italia non cresce, è evidente che i nostri risparmi non vengono impiegati per finanziare imprese reali, che producono beni e servizi necessari e creano occupazione“.

L’articolo sintetizza alcuni punti del Rapporto annuale “Contromanovra di Sbilanciamoci“, una campagna di informazione che dal 1999 unisce un “gruppo di economisti, ricercatori, giornalisti, studenti, operatori sociali, sindacalisti e una rete di associazioni, organizzazioni, movimenti che vuole conoscere, discutere e analizzare criticamente i fatti dell’economia; sapere tutto il possibile sul sistema economico nel quale viviamo, progettare tutto il possibile del sistema economico nel quale vorremmo vivere” (http://www.sbilanciamoci.info).

Sono convinto che, nel nostro piccolo, il minimo che si possa fare è leggere il rapporto 2011 di Sbilanciamoci (qui allegato), anche se richiede uno sforzo di concentrazione e qualche ora di tempo. Controfinanziaria_sbilanciamoci_2012_completo

Inoltre, se veramente pensiamo che il nostro sistema economico e finanziario non rispecchi più le nostre vite, che abbia tradito le nostre aspettative, dobbiamo necessariamente compiere piccoli gesti di grande cambiamento, come togliere il conto dalla banca se non ci soddisfa e spostare i nostri risparmi su Istituti a noi più vicini (e non intendo nel senso di km, ma di valori: non scegliamo le Banche in base alla prossimità chilometrica, facciamolo in base alla prossimità valoriale!). Quando pensate che una banca vi favorisce perchè vi da un buon interesse sul contro corrente, pesnate anche a quello che quella banca vi toglie (materialmente) dall’altra tasca come attore di un sistema finanziario distorto: banche complici della vendita di titoli spazzatura, banche di proprietà di gruppi industriali non trasparenti! Le banche: non ce ne sarà una perfetta, ma non sono tutte uguali!

Infine: sappiate che, in Italia come nel mondo, esistono gruppi di seri studiosi che lavorano, spesso gratuitamente, per informare tutti noi su grandi temi che, altrimenti, resterebbero incomprensibili discorsi tra tecnici e burocrati: Sbilanciamoci e la Campagna per la Riforma della banca Mondiale (http://www.crbm.org) sono due importanti ingranaggi per un’informazione tecnica più libera e accessibile. E andrebbero sostenuti da noi tutti, anche col costo di un caffè!  AC

Annunci

Informazioni su albertocorbino

Alberto Corbino è l'autore dei blogs: https://labuonaeconomia.wordpress.com ; http://ventanillas.wordpress.com ; http://italiain3b.wordpress.com http://edabpm.wordpress.com . Per ulteriori info, visitare la pagina: "l'autore di questo blog"
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Teorie e pratiche e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...