Come difendersi da Equitalia

Come difendersi dalle cartelle di Equitalia, Tarsu e altre imposte – come risparmiare ai sensi di legge”* è il titolo di un corso di formazione previsto prossimamente a Sorrento (5 e 6 ottobre). Il docente, l’avvocato Maurizio Villani, tributarista, cassazionista specializzato in “diritto tributario e penale-tributario”,  è stato invitato dall’UCMed – Università della Cucina Mediterranea a confrontarsi con gli imprenditori del settore turistico, ristorativo, alberghiero e agroalimentare, e con i professionisti del settore fiscale e tributario.

Ma perché un ente principalmente impegnato nell’ambito della cultura ed economia gastronomica decide di organizzare un corso che sulle tasse? La risposta sta nel titolo, più precisamente nel “come difendersi”. L’idea parte dall’ascolto del territorio, un tessuto economico composto per la quasi totalità di micro, piccole e medie imprese che, oltre alla crisi, subiscono l’inquità del sistema fiscale italiano, aggravata dalla non conoscenza di meccanismi procedurali molto utili alla difesa dei propri diritti.

Per iniquità, oltre all’eccessivo carico fiscale, mi riferisco per esempio al ben noto divario che c’è tra la puntualità con la quale lo Stato e le amministrazioni locali esigono il pagamento di imposte e tributi  – pena l’aggiunta di un carico vertiginoso di interessi  – e la “disinvoltura” con cui gli stessi enti pubblici interpretano le scadenza di pagamento quando sono loro a dover restituire l’IVA, o a versare il corrispettivo per servizi ricevuti e  beni acquistati. E’ una faccenda ben nota, concausa, assieme alla crisi, della chiusura di troppe imprese, della predita di troppi posti di lavoro, finanche del suicidio di imprenditori onestinel nostro Paese. Anche in distretti economici consolidati.

I dati parlano chiaro: “il settore pubblico italiano paga con un ritardo medio di 86 giorni, contro una media UE di 27 giorni (11 per la Germania). E’ possibile stimare nel 2010 un extracosto per le imprese fornitrici della PA in Italia dovuto al ritardo nei pagamenti pari a1,9 miliardi di euro (fonte: I-Com, maggio 2011. L’impatto del ritardo dei pagamenti della P.A sul sistema economico). Per molti imprenditori spesso ciò significa chiudere bottega o cadere nelle mani degli unici disposti a concedere credito – le mafie, o cedere le attività a capitali stranieri (a Sorrento da un po’ di tempo impazzano i miliardari russi).

Per scongiurare gli scenari su ipotizzati è necessario che l’impresa e i professionisti che la assistono conoscano i trucchi procedurali che possono risultare vincenti nell’ambito di uncontenzioso con la PA. Da qui l’iniziativa di UCMED che mira a diffondere, tramite una formazione altamente specializzata, cultura d’impresa complementare ai temi – di certo più allettanti – legati alla buona tavola.

Tutte le informazioni sul corso le trovate sul sito di UCMED (www.ucmed.it) o al seguente link: http://www.ucmed.it/eventi/come-difendersi-dalle-cartelle-equitalia

*(pubblicato sul portale Investireoggi il 25 settembre 2012)

Advertisements

Informazioni su albertocorbino

Alberto Corbino è l'autore dei blogs: https://labuonaeconomia.wordpress.com ; http://ventanillas.wordpress.com ; http://italiain3b.wordpress.com http://edabpm.wordpress.com . Per ulteriori info, visitare la pagina: "l'autore di questo blog"
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, cattiva economia, tasse e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...