La vera innovazione economica nelle mozzarelle di Libera!

Quando associo le parole innovazione ed economia*, io non penso mai alla Apple che, secondo me, ha invece semplicemente aggiornato un prodotto, senza cambiare la vecchia e pessima formula della delocalizzazione oltreoceano per sfruttare la manodopera locale ai limiti della schiavitù e della dignità umana. Vecchio, sporco  trucco per fare tanto profitto, per fortuna con qualche interessante conseguenza, come il recentissimo  sciopero nellaFoxconn di Zhengzhou (che la stessa azienda pare abbia minimizzato come “problemi con un piccolo gruppo”).
Quando ragiono su cosa significhi innovare oggi in economia il mio pensiero va invece a quanto ho visto ieri, nella mia visita accademica con gli studenti universitari americani del Sant’Anna Institute di Sorrento, presso la cooperativa “Le terre di Don Peppe Diana” (nata nel settembre 2010, fa parte del Consorzio di  Cooperative Libera Terra) e il loro fornitore di latte biologico, l’azienda agricola Ponterè, tra Castelvolturno e Cancello Arnone, in provincia di Caserta.

Cosa c’è di innovativo in una cooperativa che produce mozzarelle di bufala,  in “Terra di lavoro” e di camorra? Tantissimo, così tanto che faccio fatica ad elencare tutto. Ma ci provo: la destinazione d’uso sociale di beni confiscati alla potente camorra locale, affidati dai 5 Comuni a un costituendo soggetto privato tramite  un trasparente bando pubblico ed un’accurata selezione; la partecipazione di tre fondazioni private per finanziare la trasformazione dalle stelle nelle stalle,  necessario intervento  dopo  un primo, ingente spreco di fondi pubblici (ma questa non è una novità); il coraggio di 5 giovani che cambiano totalmente vita e si dedicano all’agricoltura pulita, antimafia, nonostante le minacce e le ritorsioni dei clan; il valore e la fierezza di fare qualcosa di utilità, di pieno, di vivo, che compensa la fatica, i magri stipendi; la solidarietà dei compratori, botteghe di commercio equo, gruppi di acquisto e cooperative di tutta Italia; il progetto col Ministero di Giustizia che si affida alla cooperativa  per il recupero di giovani destinati alla vita di carcere; l’apporto di volontari  da tutta Italia che affollano i campi della cooperativa ; i locali stessi della cooperativa, che sono caseificio moderno ma anche centro culturale, luogo di incontro in un territorio che è il deserto sociale;  il coinvolgere la comunità localenei festeggiamenti per  una nuova fase di avanzamento del progetto – se voi vincete noi vinciamo – dicevano; il valore della legalità come elemento distintivo, sempre, perché i beni da noi acquistati presso la bottega della cooperativa sono usciti accompagnati daregolare scontrino fiscale; il desiderio di migliorarsi, di produrre qualità e non solo solidarietà e mai solo quantità, rinunciando a gran parte del profitto; i rapporti di piena collaborazione con la Ponterè, l’azienda agricola fornitrice del latte biologico; il valore della tutela degli animali e dell’ambiente, scelta strategica costosa ma vincente di questa antica famiglia di allevatori di bufale; l’orgoglio di mostrare, con calma ed entusiasmo, lafatica e la pulizia del proprio lavorol’integrazione tra vari aspetti produttivi:  la (futura) somministrazione di cibo e l’ospitare gruppi scout e di altri visitatori affianco alla produzione di mozzarella, e la fattoria didattica e l’apicoltura accanto all’allevamento di bufale.

Li avete contati? Io si: sono 15 e ne potrei aggiungere altri. Innovare significa fare innovazione sociale, cioè cambiare le relazioni tra i soggetti economici: produttori, consumatori, fornitori, istituzioni, banche, enti no profit.  Ecco, la prossima volta che qualcuno parla di innovazione con troppa approssimazione, invitatelo a contare fino a 15. E la prossima volta che ci chiediamo cosa fare per innovare il mondo, proviamo a supportare queste due belle e sane realtà imprenditoriali del nostro amato e martoriato Sud. Per informazioni:  www.liberaterra.it   www.pontere.it

*(pubblicato su Investireoggi.it il 25 ottobre 2012)

Advertisements

Informazioni su albertocorbino

Alberto Corbino è l'autore dei blogs: https://labuonaeconomia.wordpress.com ; http://ventanillas.wordpress.com ; http://italiain3b.wordpress.com http://edabpm.wordpress.com . Per ulteriori info, visitare la pagina: "l'autore di questo blog"
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, cibo, Isole di buonaeconomia, mafie, sud, Teorie e pratiche e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a La vera innovazione economica nelle mozzarelle di Libera!

  1. Pingback: La Libera mozzarella: 3 volte ottima (finalmente!) | Italia in 3B

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...