La Campania in 3Bimensioni: Bella, Buona, Brava!

La ds. Paola Guma, con i docenti Rosaria Pasqua e Carlo Riccio, dell'Istituto Elena di Savoia di Napoli, partner del Polo "Campania in 3B" e ospiti dell'evento di apertura

La ds. Paola Guma con i docenti Rosaria Pasqua e Carlo Riccio dell’Istituto Elena di Savoia di Napoli, partner del Polo “Campania in 3B” e ospiti dell’evento di apertura

C’è una bella espressione nel libro “L’alveare” di Giuseppe Catozzella che dice più o meno: “nell’immaginario comune il Nord è la Terra di Abele, mentre il Sud è destinato ad essere quella di Caino”. L’Alveare si riferisce principalmente alle mafie, e il concetto che esprime Catozzella (come anche Giovani Tizian e altri) è più o meno quello del famoso “fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce… “ soprattutto al Sud!”.

E’ vero, il Sud non è un posto perfetto.. e chi scrive è sempre stato tra i più aspri censori di questa bellissima terra. “Il Sud è una brutta bestia!” l’ho detto e lo confermo, riferendomi alla popolazione sempre più orgogliosamente analfabeta, a politici sempre più incompetenti e corrotti, agli imprenditori avvoltoi e collusi, alle istituzioni latitanti, ai latitanti istituzionalizzati a santi patroni, al più alto mix concentrato di patrimonio naturale e culturale esistente al mondo e mai come in nessuna parte del mondo tanto mortificato.  Tutto vero.. e a quanti si sentano di negare questa situazione propongo di fare un giro con me a Napoli e al Sud …

Tutto vero. Ma non l’unica verità. Le verità invece sono anche altre, in particolare due:

La prima. Tutto ciò che di negativo accade al Sud, accade, con modalità e frequenze diverse, al Centro e al Nord. Potrei  fare un milioni di esempi, ma penso che gli scandali Parmalat (Parma), MPS Siena (Siena), Expo Milano (Milano), possano bastare; se volete ci aggiungo che Leinì, Rivarolo e Bardonecchia sono tre degli ultimi comuni sciolti per mafia e sono in Piemonte; che nella verde Umbria sono state individuate numerose discariche abusive di rifiuti nei pressi delle aree industriali; che al Nord succedono cose come questa: “ decine di tonnellate di scarti di formaggio piene di schifezze ritirate da grosse aziende (Granarolo, Ferrari Giovanni industria casearia, Zanetti) e mischiate a prodotto fresco: un sistema collaudato con cui la DELIA, stabilimento a Monticelli D’Ongina, sede legale a Milano…, riesce a piazzare sul mercato italiano e europeo il suo prodotto finito (la Repubblica – Parma, 23/05/2014)”. Notizia di oggi.

La seconda. Anche il Sud, che piaccia o meno, è positività, anche il Sud ha una sua terra di Abele che lotta e cerca di emergere nonostante i tanti caini, come ho spesso cercato di raccontare dalle pagine di questo blog.

La Campania in particolare, dove popolo ignorante e politicanti ingordi hanno per oltre quarant’anni impunemente cercato di distruggere tutto ciò che era possibile, spesso con successo – vedi Scavi di Pompei e litorale domitio -, sta dimostrando di voler riemergere dal mare di me.. lma dove era sprofondata, cercando anche di recuperare credibilità agli occhi di una stampa nazionale straniera sempre molto critica e sensazionalista (basta citare l’ultimo caso della Terra dei fuochi con annessa polemica NATO – acqua avvelenata a Napoli).

E lo fa ripartendo da due comparti chiave: l’agroalimentare e il turismo.

Due le recenti iniziative degne di nota, una pubblica e una privata. Quella pubblica: la Regione Campania ha da poco finanziato nuovi laboratori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno di Portici (Na) dedicati all’Ispezione degli alimenti e per aumentare la tracciabilità e la sicurezza di tutti i prodotti made in Campania.

Anche la seconda è un’iniziativa che ha a che vedere con il pubblico: è un Polo Tecnico Professionale, cioè  il nuovo modello di formazione individuato dalla Regione Campania per evitare (in teoria) la dispersione di finanziamenti a pioggia e far fronte alla sterilità delle iniziative di formazione professionale messo sin ad ora in campo. Può essere incentivato da fondi pubblici ma è un’iniziativa privata, autonoma.

Il Polo di cui voglio parlare, in cui sono in prima persona coinvolto, ha un nome insolito ma molto significativo: “Campania in 3B”. Riunisce, per ora, 49 tra istituti Tecnici, aziende profit (leader nel settore alberghiero, della ristorazione, del catering, del turismo) associazioni (tra cui Slow Food Campania) in 5 province, e include anche un “forestiero”  di eccezione, un punto di riferimento nell’arte pasticciera nazionale, la CAST alimenti Srl di Brescia.
Le 3B stanno per 3 Bimensioni: Bella, Buona e Brava. La sfida che questo Polo si pone quindi, a partire dal capofila  – l’Università della Cucina Mediterranea di Sorrento – , è far emergere la bravura degli allievi degli Istituti Tecnici coinvolti, facendoli incontrare con i bisogni delle aziende di eccellenza che al Polo aderiscono, incoraggiare le loro passioni, accompagnarli in un percorso in di formazione al sapere, saper fare e saper essere.

Il Polo Campania in 3B rifiuta l’idea che la Campania e il Sud debbano essere, per un qualche ineluttabile destino, terra di inquinamento, criminalità, cattiva politica, inquinamento, emigrazione, di conquista. Vuole offrire invece un contributo a un’inversione di tendenza verso una cultura della qualità, condivisa da scuole e imprese, che speriamo possa contagiare presto anche i cittadini / consumatori e le istituzioni, gli altri anelli necessari a trasformare il Sud in terra di Abele.

 

Advertisements

Informazioni su albertocorbino

Alberto Corbino è l'autore dei blogs: https://labuonaeconomia.wordpress.com ; http://ventanillas.wordpress.com ; http://italiain3b.wordpress.com http://edabpm.wordpress.com . Per ulteriori info, visitare la pagina: "l'autore di questo blog"
Questa voce è stata pubblicata in Attualità, cibo, Isole di buonaeconomia, sud, sviluppo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...