Italia: il rapporto GdF 2016 ritrae un’economia da guerra civile

Rapporto GdF 2016: siamo un’economia da guerra civile, gli onesti contro i disonesti, che è l’unica discriminazione da fare in Italia.
Alcuni dati – estratti da Repubblica.it (il rapporto non è ancora disponibile on-line su sito GdF).
Sprecati 5,3 miliardi di euro di denaro pubblico. Alla destinazione del denaro pubblico è dedicata una parte consistente del dossier e il nostro Paese si dimostra, ancora una volta, incapace di gestirlo. Grazie ai 2.058 accertamenti svolti su delega della Corte dei Conti, si scopre che l’Italia solo lo scorso anno ha avuto un danno patrimoniale di 5,3 miliardi di euro (denunciati 8.067 soggetti per responsabilità erariale) dovuto a sprechi e gestioni non corrette dei fondi pubblici.
Irregolari due ticket sanitari su tre. Dai 12.803 controlli fatti per verificare la sussistenza dei requisiti di legge previsti per ottenere le prestazioni sociali agevolate e l’esenzione del ticket sanitario, emerge un dato allarmante: il 66 per cento delle prestazioni prese in esame era irregolare.
Ai clan sequestrati 2,6 miliardi di euro. Alla criminalità di stampo mafioso sono stati sequestrati 2,6 miliardi di euro: 5.242 proprietà, 281 aziende, centinaia di quote societarie, denaro in contanti.

Annunci

Informazioni su albertocorbino

Alberto Corbino è l'autore dei blogs: https://labuonaeconomia.wordpress.com ; http://ventanillas.wordpress.com ; http://italiain3b.wordpress.com http://edabpm.wordpress.com . Per ulteriori info, visitare la pagina: "l'autore di questo blog"
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...